Fumiko Kobayashi e Damiano Nava dalla Galleria Perugi a Padova

Verniss@ge
[img_assist|nid=25916|title=|desc=|link=none|align=left|width=130|height=130]PADOVA - Inaugura sabato 19 dicembre alla Galleria Perugi artecontemporanea di Padova la doppia personale Homing di Fumiko Kobayashi, curata da Barbara Fragogna e Myu di Damiano Nava curata da Guido Bartorelli. "Quando viaggio o quando parlo con qualcuno, qualche volta sento la mancanza di un senso di appartenenza, sento di essere alla ricerca del "posto" che non troverò mai.Gli incontri con persone sconosciute, la vita di ogni giorno e tutto ciò che mi succede attorno mi permette di vivere queste esperienze facendole diventare parte integrante della mia stessa identità."Perciò Fumiko è alla ricerca del luogo, dell!idea dell!ideale.Casa, spazio, appartenenza.Dal Giappone all' Europa, fino in Africa e in Australia, freneticamente, compulsivamente per scegliere o per essere scelta dal luogo.Nel luogo in cui si ferma, Fumiko respira, osserva, assorbe osmoticamente l' atmosfera per poi coglierne il senso, l!essenza, la cultura che poi ancora sintetizza, lasciandola decantare. E poi silenzio, per elaborare e decidere e capire per esplodere.Così la teoria diventa pratica, le mani s!impongono alla mente, è ora tempo di trovare, accumulare, scovare: oggetti quotidiani, sedie, tavoli, elettrodomestici, mobili, spazzatura, cavi, plastica, legno, metallo, colore, colore e bianco.Un!enorme massa di ciarpame eterogeneo invade lo spazio dentro e fuori. Stravolta dal luogo, pezzi di luogo ovunque in un ammasso deforme e grottesco. a lo spazio è stretto ed è arrivato il momento di trovare una forma.L'oggetto perde il suo valore, viene distrutto, decostrutto, diventa tassello per essere poi ricostruito dalla visione originale dell' artista.Così il luogo che l!ha ospitata, che le ha fornito un punto da cui partire si trasforma ora in spazio privato. Per appartenere allo spazio DEVE inventare lo spazio con incastri mirabolanti e acrobatici. I tasselli si con-fondono fino a diventare un tutt!uno solido. È infatti stabile e solido il lavoro che ci accoglie e l!osservatore attento tratterrà il fiato notandone la complessa ma equilibrata precarietà.Fumiko, in questo luogo straniero, sembra costruire un riparo, una tana, un rifugio. Ma la superficie nasconde il dubbio e l!aspetto minuto e gracile di Fumiko ci può confondere ulteriormente le idee.Homing significa: tornare a casa, tornare alla base. Ma [img_assist|nid=25917|title=|desc=|link=none|align=right|width=640|height=424]Homing è inteso, nel lavoro di Fumiko come un "rendere casa" cioè fare in modo che ogni luogo diventi il luogo familiare. È una conquista.E il conquistatore arriva, stravolge le regole con forza e determinazione. Il conquistatore crea un ordine arbitrario e sentenzia l!innegabile: "Ora, questo luogo è il mio."Ma nel lavoro di ogni artista, la contraddizione è il sale e anche la ricerca del luogo impossibile presuppone fondamenta non saldate al suolo. (Barbara Fragogna) Damiano Nava (Brescia, 1982) impugna la macchina fotografica per comporre una sorta di censimento. Egli utilizza la fotografia nel modo più ovvio e sempiterno, praticato fin dalla sua invenzione, che consiste nel ritrarre i volti. È l'utilizzo che per i più continua a coincidere, un po' ingenuamente ma non a torto, con il senso stesso della fotografia: quello che era ieri sotteso all'album di famiglia, oggi all'archivio digitale.Tale "ovvietà" del lavoro di Nava lo colloca all'ultimo posto in una coda infinita di precedenti. Egli ne è consapevole e la sua originalità sta proprio nell'essere ultimo fino in fondo. Intendo dire che Nava mette in quello che fa, nel modo più naturale, la sensibilità della nuova generazione: una sensibilità che i precedenti non possono aver sviluppato. I giovani amici da lui ritratti rivelano un attitudine che è già tutt'altra cosa rispetto a quella dei giovani, ad esempio, di un Tillmans. Come tutti i giovani da che mondo è mondo, sia quelli di Tillmans sia quelli di Nava appaiono mossi dalla "tempesta ormonale", ma quanto è diversa l'esibizione della sessualità nell'uno e nell'altro: in Nava non c'è più traccia del cipiglio duro e trasgressivo, l'espressione si è distesa in un sorriso un poco timido e molto divertito.Ma la prerogativa più felice di Nava sta nell'eco delle modalità fotografiche attualmente dilaganti a livello comune, non professionistico: oggi l'album fotografico, il "libro di facce" per eccellenza è in rete, dove affluisce l'incessante marea di immagini riversate da milioni di utenti spontanei, sparsi in tutto il mondo. A Nava non serve citare queste immagini, in quanto egli appartiene fino in fondo alla comunità che le produce. L'estetica coincide, è una sola. Si può dire che in più Nava ha inteso quanto possa essere indecentemente attraente scrutare quei volti, per lo più ignoti, che si accalcano euforici, molto spesso a qualche festa. Il diario per immagini di Nava palpita appunto di festa e di spensierato erotismo, come si è potuto apprezzare in modo esemplare di fronte a Essen, fitto polittico presentato nel 2008. Un lavoro dove la vecchia polaroid rispondeva perfettamente all'esigenza di esporre opere materiali, "da galleria d'arte", pur preservando integra tutta l'istantaneità di fruizione delle immagini caricate on line.Le nuove facce della serie MJU (nome della macchina fotografica con la quale sono state scattate queste fotografie) provengono da un lungo viaggio via terra organizzato dal team di Settemilamiglialontano. Partito dall'Oriente, in particolare dall'India, Nava è tornato fino a noi attraversando Pakistan, Cina, Kirghizistan, Uzbekistan, Turkmenistan, Azerbaigian, Georgia, Turchia, Bulgaria, Serbia, Croazia e Slovenia. Egli ha verificato che quegli sguardi trepidanti sono davvero il fattore unificante della nuova generazionale globale, al di là delle differenze dei tratti somatici, delle acconciature, dei vestiti, dell'ambiente. Il modo intero, dal "primo" al "terzo", si mette in posa con la medesima, eccitante, luce negli occhi: il desiderio di essere felice. (Guido Bartorelli) Dal 19 dicembre 2009 al 19 gennaio 2010 Perugi artecontemporanea, via Giordano Bruno 24 b - PADOVA Fumiko Kobayashi - Homing A cura di Barbara Fragogna Damiano Nava - Myu A cura di Guido Bartorelli Vernissage: sabato 19 dicembre, dalle ore 18:30 Orario: dal martedì al sabato 15-20, mattinate e festivi su appuntamento Info: tel 0498809.507 info@perugiartecontemporanea.com www.perugiartecontemporanea.com