Il violino di Lara St. John e la bacchetta di Paul Chiang a Pordenone e Trieste

Classica

TRIESTE - Per il settimo concerto della Stagione Sinfonica,  venerdì 28 ottobre 2011, sul podio del Verdi di Trieste, debutta il giovane direttore Paul Chiang, accompagnato dal violino di Lara St. John. Giovedì l'anticipazione al Verdi di Pordenone e sabato 29 la replica a Trieste.

Ching-Po (Paul) Chiang si è imposto allì’attenzione del pubblico,  a partire dagli Stati Uniti, ma poi  anche in Europa, in Mongolia e a Taiwan, dove ha diretto anche orchestre giovanili.

Il programma affidato al M° Chiang si apre con una composizione per coro e orchestra, su versi di Friedrich Schiller, intitolata Nänie, scritta da Johannes Brahms tra il 1880 e il 1881. Si tratta di un  vero e proprio Lieder corale, che dilata in una dimensione sonora e psicologica più ampia l’intimismo cameristico del Lied per voce e pianoforte, coltivato da Brahms con grandi risultati così come da quasi tutti gli altri grandi del Romanticismo tedesco. Il Lied per voce e orchestra sarà essenzialmente frutto di una stagione più tarda e decadentistica, quella illustrata da Gustav Mahler e, in una sopravvivenza favolosa fin nel cuore del Novecento, da Richard Strauss). Nenia vede Brahms rivestire di suoni una poesia particolarmente intensa dedicata da Schiller nel 1799 al tema della morte della bellezza, e intitolata Nänie (Nenia) dal nome del canto funebre in uso nell’antica Roma e da altri richiami greci. La prima esecuzione ebbe luogo il 6 dicembre alla Tonhalle di Zurigo, sotto la direzione dello stesso Brahms. Si tratta di un addio all’amico scomparso, il pittore Anselm Feuerbach,  ma anche alla bellezza in sé, nel senso generale delle parole di Schiller, tutte dedicate alla impossibilità di salvarsi per l’essere umano; e anche  forse un addio ad un mondo musicale che agli occhi di un classicista severo come Brahms sembrava andare a rotoli.

Di Franz Liszt, a  celebrazione dei 200 anni della nascita, sarà poi eseguita Totentanz nella trascrizione per violino ed orchestra di Martin Kennedy e Lara St. John. Chiamata anche Terzo concerto per pianoforte, questa Danza Macabra  reca il sottotitolo parafrasi sul tema del Dies Irae. ll tema del Dies Irae (tratto dal celebre canto liturgico) con il richiamo al Giudizio universale viene variato con fantasia, con inesauribile ricchezza di trovate ritmiche e armoniche.  Ed è da considerarsi uno dei pezzi migliori del compositore tedesco per il suo aprire prospettive e orizzonti nuovi in una girandola di effetti travolgenti. La composizione è in un solo tempo articolato in Andante – Allegro  (tema con variazioni) e Allegro animato. La visione demoniaca della morte ha grande spazio nella letteratura romantica così come nella musica, a partire dalla Sinfonia fantastica di Berlioz  e non poteva non attrarre anche Liszt.
Il brano Tzigane per violino e orchestra di Maurice Ravel che segue fu composto e poi trascritto per vari strumenti. Esalta le seduzioni musicali degli Tzigani magiari espresse con grande virtuosismo coniugato ad un  languido  sentimentalismo tipico  di quel  folclore. Solista, la violinista di origine canadese Lara St.John considerata una grande artista non solo in America dove ha suonato con le orchestre più prestigiose ma anche in Europa, in Asia e Australia. Tra le sue incisioni discografiche figura anche la prima mondiale  di Totentanz di  Franz Liszt arrangiato per violino ed orchestra da Martin Kennedy e  dalla violinista stessa. Lara St.John suona un Guadagnini  1779 “Salabue”, donazione di un anonimo e di Heinl & Co. di Toronto.

Infine tornando a Liszt il concerto si chiude con la Dante Symphonie per coro femminile e orchestra, una pagina sinfonica del 1859 che si presenta divisa in due parti dedicate all’Inferno e al Purgatorio. La composizione  lo occupò per circa un anno, dall'estate del 1855 al 6 luglio del 1856; la prima esecuzione fu diretta dallo stesso Liszt a Dresda il 7 novembre. Il progetto però era nato nel 1849, all’epoca dei primi entusiasmi di Liszt per il nostro paese, e destinato poi a occupare il settimo posto nella Deuxième année de pèlerinage, quella dedicata appunto all'Italia. Il richiamo al Paradiso dantesco è limitato all’intervento del coro, che intona le parole iniziali del Magnificat con l’aggiunta di ripetuti halleluja! e hosanna! in un brano relativamente ridotto, per durata e peso sonoro, rispetto ai due che lo precedono, e privo di autonomia perché attaccato direttamente al Purgatorio vero e proprio, di cui almeno “editorialmente“ risulta far parte.
In ciò si può rintracciare il segno della speciale fortuna ottocentesca della Commedia dantesca  con l'identificazione dei suoi valori poetici anzitutto in Inferno e Purgatorio, contro un Paradiso letto anzitutto come suprema sintesi teologica. 

Resta però fondamentale, accanto a ciò, una disposizione della materia musicale secondo un progetto abbastanza raffinato e ascetico del Liszt di questi anni. Non è fuor di luogo, per la Dante-Symphonie, parlare di una struttura esteriormente in “diminuendo”, sagace omaggio al piano generale della Commedia, e quasi sua rappresentazione -  sostiene il musicologo Daniele Spini –  Le tre tappe del viaggio verso l'alto non potrebbero tradursi in musica per mezzo di una progressiva intensificazione della materia sonora senza cadere nella retorica e nel banale. Dunque Liszt opera in senso esattamente opposto, con logica stringente. Dal puro punto di vista della materia si avrà un Inferno corposo, ritmicamente e fonicamente tormentato ed estroverso; un Purgatorio più calmo e rarefatto, quasi accademicamente composto e un finale (“surrogato” del Paradiso, indubbiamente), ancor più terso e smaterializzato, con le voci eteree del coro fem¬minile contro un'orchestra leggerissima. Una struttura a piramide, che si riflette anche nelle proporzioni temporali: se l'Inferno è la base, per naturale legge fisica più “pesante”, esso sarà anche — immagine visiva, geometrica — più esteso; e così il Purgatorio sarà più breve di quello, ma più lungo del Magnificat conclusivo. E tutto ciò in stretta coerenza con il progressivo distaccarsi del fatto musicale dalle suggestioni del testo.

 Stagione Sinfonica 2010-11

Giovedì 27 ottobre 2011, ore 20.45

Teatro Comunale Giuseppe Verdi, viale Martelli 2 - PORDENONE

Venerdì 28 ottobre 2011, ore 20:30 e sabato 29 ottobre 2011, ore 18:00

Teatro Lirico Giuseppe Verdi, Riva 1° novembre – TRIESTE

L'Orchestra del Teatro Lirico Giuseppe Verdi

Coro preparato dal M° Paolo Vero

direzione M° Ching-Po (Paul) Chiang

e Lara St. John, violino solista

esegue

Johannes Brahms, Nänie. Lied per voce e orchestra

Franz Liszt, Totentanz (trascrizione per violino ed orchestra di Martin Kennedy e Lara St. John)

Andante – Allegro  (tema con variazioni) e Allegro animato

Maurice Ravel, Tzigane per violino e orchestra

Franz Liszt, Dante Symphonie per coro femminile e orchestra

Info: Biglietteria del Teatro Verdi

n. verde 800 090373

tel. 0406722111

www.teatroverdi-trieste.com