Racconti Possibili: décollage, artypo, retro d’affiche e sovrapitture di Mimmo Rotella in mostra a Padova

Verniss@ge

[img_assist|nid=14848|title=|desc=|link=none|align=left|width=130|height=130]PADOVA - Anfiteatro Arte inaugura la nuova stagione espositiva a Padova colorandosi nuovamente di straordinaria follia. Dopo Schifano nel 2006 e  Baj nel 2007, il nuovo inizio è dedicato a Mimmo Rotella. Un racconto entusiasmante che conduce lo spettatore per mano tra le tappe fondamentali del percorso dell’artista. Dal décollage alla nuova immagine, dagli artypo alle sovrapitture. Tra incontri fondamentali e favolose trasformazioni.

Una forte dicotomia espositiva appare subito allo spettatore. In una prima parte Luca Massimo Barbero, curatore della mostra, racconta il legame di Mimmo Rotella con Carlo Cardazzo. Tra décollage e retro d’affiche – le opere che hanno reso famoso l’artista – si viene condotti alla seconda parte della mostra dove Elena Forin focalizza l’attenzione dagli anni[img_assist|nid=14849|title=|desc=|link=none|align=right|width=640|height=640] Sessanta anni Novanta, guardando le figure che hanno segnato ancora la vita artistica di Rotella, come Pierre Restany e Giorgio Marconi. L’articolazione degli spazi espositivi si fonde con la storia narrata, scandita in apposite sale. Il tutto appare fortemente pensato per Anfiteatro che, da semplice narratore esterno ai fatti, contenitore di un storia, si ritrova partecipe del racconto stesso.
Con il patrocinio del Comune e della Provincia di Padova e un titolo “strappato” dal testo critico di Luca Massimo Barbero – Racconti Possibili – l’esposizione è stata organizzata grazie alla preziosa collaborazione di Giorgio Marconi, Fondazione Marconi, Milano e della Fondazione Mimmo Rotella, Milano.
Se è vero che la ricerca materica lo avvicina all’atmosfera dell’Informe, che domina quegli anni, e che egli proprio come Burri e Fontana supera pur percorrendola, è anche vero che questa drammaticità serena ne permea i lavori di questi anni. Rotella strappa e trafigge, compone e incolla i manifesti, ma ciò che lo rapisce, è la trasposizione di questi materiali della vita quotidiana in un mondo dalla forza tellurica, quasi disastrosa... (Luca Massimo Barbero)

Dal 9 ottobre al 29 novembre 2008

Galleria Anfiteatro Arte, Vicolo Ognissanti 33 - PADOVA

Mimmo Rotella - Racconti Possibili

A cura di Luca Massimo Barbero

Vernissage: giovedì 9 ottobre, alle ore 18.30. Alle 19.00 Luca Massimo Barbero presenterà la mostra in galleria

Orario: da martedì a sabato dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 19.30

Ingreso libero

Mostra in collaborazione conFondazione Mimmo Rotella, Milano e Fondazione Marconi, Milano

Info: tel. 0498075616
press@fenicepr.it
www.fenicepr.it