Provocazioni: le riflessioni filosofiche di Beatrice Bonato e le letture di Rita Maffei nella colazione domenicale di Europensieri

Pocket News

UDINE - È dedicata alla filosofa americana Judith Butler, figura di spicco sulla scena filosofica mondiale degli ultimi vent’anni, la prossima colazione filosofica di Europensieri dal titolo Provocazioni e in programma domenica 17 marzo, al Teatro S. Giorgio di Udine.

Si tratta del quarto dei seguitissimi incontri a base di caffè, dolci assaggi e dissertazioni sui temi cruciali del pensiero filosofico contemporaneo ideati per accompagnare la stagione di Teatro Contatto/Eurovisioni e promossi dal CSS Teatro stabile di innovazione del FVG e dalla Società filosofica italiana sezione FVG, con il sostegno di Banca di Udine. La tazza di caffè e un dolce assaggio sono gentilmente offerti dalla illycaffé di Trieste, Ristorante Allegria di Udine.

Dalle ore 11, Beatrice Bonato insegnante di Storia e Filosofia al liceo "N. Copernico" di Udine e curatrice delle colazioni filosofiche di Europensieri, incontra e dialoga con il pubblico. La dissertazione di Bonato sarà accompagnata da letture tratte da Judith Butler che ascolteremo dalla voce dell’attrice Rita Maffei.

Vicina alle esperienze del femminismo di ultima generazione e alle lotte delle minoranze gay e transgender, l’autrice Judith Butler ha sviluppato una sottile analisi critica del potere e dei modi in cui i soggetti umani vi si assoggettano, assumendo ruoli e identità sessuali e sociali “normali”, al prezzo del ripudio di desideri e parti di sé non conformi ai modelli dominanti.
Nei suoi scritti più recenti, dove forte è l’eco degli eventi successivi all’11 settembre 2001, si impongono con urgenza i temi della vulnerabilità, della precarietà, della violenza. Prende forma più precisa il disegno di un’etica e di una politica che non respingano la provocazione, non si limitino a difendersene, ma riescano a rielaborarla in risposte attive.
Alla vecchia Europa Butler lancia una serie di provocazioni, mettendosi “di traverso” a potenti costrutti politici, filosofici, psicoanalitici. Ma lo fa con gli strumenti e il lessico del pensiero europeo, convocando Foucault, Derrida, Lacan, Levinas e persino Hegel. E provocando così, di riflesso, il senso comune della tradizione filosofica anglosassone, con la sua voluta estraneità alla tradizione continentale.

Beatrice Bonato insegna Storia e Filosofia al liceo "N. Copernico" di Udine. Si è laureata a Trieste in Filosofia contemporanea con una tesi su Lacan e Heidegger. Ha pubblicato diversi articoli su "aut aut" e su "Edizione", della quale è redattrice. Ha curato il quaderno di 'Edizione' 2010 Come la vita si mette al lavoro. Forme di dominio nella società neoliberale (Mimesis, Milano-Udine 2010) e, insieme a Claudio Tondo, il quaderno di "Edizione" 2012, Fabbricare l’uomo. Tecniche e politiche della vita (Mimesis, Milano-Udine 2013). È vicepresidente della Sezione Friuli Venezia Giulia della Società Filosofica Italiana e collabora con l’associazione culturale vicinolontano.

Europensieri - colazioni filosofiche della domenica mattina

Domenica 17 marzo 2013, ore 11:00

Teatro S. Giorgio, Piazzale Q. Sella - UDINE
Provocazioni
riflessioni filosofiche con Beatrice Bonato
letture di Rita Maffei
da testi di Judith Butler
conduce Beatrice Bonato

Ingresso libero

Rassegma organizzata da CSS Teatro stabile di innovazione del FVG. Società Filosofica Italiana – Sezione Friuli Venezia Giulia e a cura di Beatrice Bonato

Info: www.cssudine.it