Error message

Il file non può essere creato.

A Trieste Film Festival in anteprima assoluta Bottecchia, l’ultima pedalata di Gloria De Antoni

Rassegne
[img_assist|nid=11821|title=|desc=|link=none|align=left|width=130|height=130]TRIESTE - Prosegue venerdì 18 gennaio la diciannovesima edizione di Trieste Film Festival. La seconda giornata di Festival sarà aperta alle 10.30 dall’appuntamento con gli incontri quotidiani con gli autori presenti al festival. Attesa la presenza all’Urban Hotel Design del Premio Oscar ceco Ji?i Menzel, regista di Ho servito il re di Inghilterra, presentato giovedì in anteprima italiana al festival; a seguire incontro con i documentaristi Nenè Grignaffini e Francesco Conversano. Il ricco programma della giornata vedrà l’avvio ufficiale di tutti e tre i concorsi internazionali a partire (Sala Excelsior, ore 17.00) dal cortometraggio ungherese senza dialoghi Türelem di László Nemes, seguito dal documentario in concorso Marcela di Helena T?eštíková, della repubblica Ceca. In sala Azzurra, alle 18.00, ancora documentari in concorso con due anteprime italiane: Gatavs della regista lettone Inese K?ava e ?mier? z[img_assist|nid=11822|title=|desc=|link=none|align=right|width=640|height=427] ludzk? twarz? del polacco Marcin Kosza?ka. La sezione dei documentari in concorso prosegue, sempre in Sala Azzurra, alle 22.30 con Storie arbëreshe di Mario Balsamo e Naplófilm, 12 voltam 56-ban dei registi ungheresi Boglárka Edvy e Sándor Silló, il racconto di un dodicenne con il suo personale 'diario' sul '56. E' il film polacco Pora umiera? (Tempo di morire) di Dorota K?dzierzawska (Sala Excelsior ore 20.00) ad aprire la sezione dei lungometraggi in concorso, preceduto dal racconto animato Sztandar m?odych (Lo stendardo dei giovani), il primo dei cinque cortometraggi che compongono l'evento speciale in omaggio a Walerjan Borowczyk, eccezionalmente presentato al festival nella sua attività di autore di cinema d'animazione: un’occasione unica per scoprire questo aspetto poco conosciuto dell’opera provocatoria di questo celebrato maestro dell’erotismo, pittore, fotografo, regista di cinema e animatore. Sempre in Sala Excelsior alle 22.00 ancora un corto in concorso Einspruch V dello svizzero Rolando Colla seguito da un grande evento, presentato nell’ambito di Zone di cinema, la sezione destinata a dare spazio e visibilità alla produzione locale e alle produzioni che hanno scelto Trieste e il Friuli Venezia Giulia come set. In programma la prima italiana del film svizzero diretto da Fulvio Bernasconi, sul fenomeno della boxe clandestina Fuori dalla corde. Protagonisti della pellicola, interamente girata a Trieste, sono Maja Sansa e Michele Vanitucci, vincitore a Locarno del Premio per il Miglior Attore (tra gli interpreti anche il triestino Mauro Serio). Ad inaugurare la Sezione Zone di Cinema, però, sarà, alle 20.00 al Cinema Ariston, l'anteprima assoluta di Bottecchia, l'ultima pedalata, firmato da Gloria De Antoni e prodotto dalla Cineteca del Friuli, che documenta la storia di questo grande campione sportivo di casa nostra e il mistero della sua fine. La proiezione sarà preceduta da un incontro con Gloria de Antoni condotto dal giornalista Gianpaolo Carbonetto. Nella giornata di venerdì proseguirà anche la sezione monografica Radici:Il Cinema Di István Gaál, dedicata al grande regista ungherese. Alle 15.00 in sala Excelsior Holt vidék e alle 20.30 in sala Azzurra Etude seguito da Zöldár. A Gaál è anche dedicata una mostra di fotografie da lui realizzate in molte città italiane, allestita al cinema Excelsior. Atteso evento speciale, idealmente legato alla sezione dei documentari, è Confini d’Europa di Corso Salani, con la proiezione di tutta la serie composta da sei documentari firmati dall’autore fiorentino, due dei quali saranno presentati al festival in prima assoluta: si comincia venerdì 18 alle 15.30 in Sala Azzurra con #1. Ceuta e Gibilterra seguito da 2#. Rio de Onor. I documentari, prodotti da Vivo film, in collaborazione con Rai Tre - Fuori Orario (trasmissione che presenterà la serie dal 14 gennaio ogni lunedì alle 0:50) rappresentano un itinerario ideale attraverso quelle località che raramente vengono sfiorate dall'attenzione collettiva, aree marginali che mostrano una segreta bellezza, una poetica intima, di "confine", appunto. La 19a edizione del Trieste Film Festival si arricchisce con la sezione Girotondo. Arthur Schnitzler e il cinema la prima, in Italia, espressamente dedicata al rapporto che lega lo scrittore viennese al cinema, affiancata da una mostra Arthur Schnitzler: da Vienna all'Europa, allestita alla Biblioteca Statale di Trieste. Tre i film in programma alle 10.30 in Sala Azzurra Liebelei di Henrich Schnitzler. Al Cinema Ariston alle 16.00 Das Weite Land di Luc Bondy e alle 18.00 Berliner reigen del tedesco Dieter Berner. Si inaugura nella seconda giornata di festival anche la sezione dedicata allo scrittore Italo Svevo a ottanta anni dalla sua scomparsa: Italo Svevo: Tutte Le Films che vede in programma al Cinema Ariston alle 22.00 Le parole di mio padre di Francesca Comencini. Questa sezione, così come l’omaggio dedicato a Tullio Kezich che sarà avviato nei prossimi giorni del festival vanta la prestigiosa collaborazione della sede Rai Regionale per il Friuli Venezia Giulia e di Rai Teche. Da segnalare sabato 19 gennaio l'appuntamento quotidiano con gli autori all'Urban Hotel Design, alle 10.30 presentazione del progetto Walerian Borowczyk, racconti animati con l'intervento del curatore Alberto Pezzotta e alle 12.30 l'atteso incontro con Claudia Cardinale, protagonista di Senilità, film al centro dell’articolato omaggio a Svevo.   Dal 17 al 24 gennaio 2008 Cinema Excelsior, Cinema Ariston, Teatro Miela - TRIESTE Trieste Film Festival - 19a edizioneVenerdì 18 gennaio 2008 Eventi speciali Urban Hotel Design ore 10:30incontro con il regista Ji?í Menzelingresso libero Biblioteca Statale ore 15:00visita guidata dal prof. Luigi Reitani alla mostra Arthur Schnitzler da Vienna all’Europa     Cinema Excelsior - Sala Excelsior ore 15:00 Radici. il cinema di István Gaál Holt Vidék (Paesaggio morto) (Ungheria, 1971, 35mm, 93’) v.o. ungherese SOTT. IT./ENG. SUBT. ore 17:00 concorso cortometraggi Türelem (Con un po’ di pazienza) di László Nemes (Ungheria, 2007, 35mm, 14’) senza dialoghi concorso doc   Marcela di Helena Treštíková (Rep. Ceca, 2007, 35mm, 83’) v.o. ceca SOTT. IT./ENG. SUBT. anteprima italiana. ore 20:00 w. borowczyk. racconti animati Sztandar Mlodych (Lo stendardo dei giovani) di Walerian Borowczyk, Jan Lenica (Polonia, 1957, 35mm, 2’) senza dialoghi concorso lungometraggi Pora Umierac (Tempo di morire) di Dorota Kedzierzawska (Polonia, 2007, 35mm, 110’) v.o. polacca SOTT. IT./ENG. SUBT. anteprima italiana ore 22:00 concorso cortometraggi Einspruch V (Obiezione V) di Rolando Colla (Svizzera, 2007, 35mm, 7’) v.o. svizzero tedesca - tedesca SOTT. IT./ENG. SUBT. zone di cinema Fuori Dalle Corde di Fulvio Bernasconi (Svizzera/Ita, 2007, 35mm, 86’) v.o. italiana ENG. SUBT. anteprima italiana.   Cinema Excelsior - Sala Azzurra ore 10:30 girotondo. schnitzler e il cinema Liebelei (Amoretto) di Heinrich Schnitzler (Austria,969,Beta SP,9 ’) v.o.tedesca SOTT.IT./ENG.SUBT. Ore 15:00 #1. Ceuta E Gibilterra (Italia, 2006, Beta SP, 56’) v.o. ita-spa SOTT. IT./ENG. SUBT.   #2. Rio De Onor (Italia, 2006, Beta SP, 56’) v.o. ita-port SOTT. IT./ENG. SUBT..   ore 18:00 concorso doc Gatavs (Ecco fatto!) di Inese Klava (Lettonia, 2006, Beta SP, 23’) v.o. lettone SOTT. IT./ENG. SUBT. anteprima italiana   Smierc Z Ludzka Twarza (La morte dal volto umano) di Marcin Koszalka (Polonia, 2006, Beta SP, 61’) v.o. polacca-ceca SOTT. IT./ENG. SUBT. anteprima italiana   doc fuori concorso Pierwszy Dzien (Il primo giorno) di Marcin Sauter (Polonia, 2007, Beta SP, 21’) v.o. russa SOTT. IT./ENG. SUBT. ore 20:30 Radici. il cinema di István Gaál Etude (Italia, 1961, 35mm, 6’) senza dialoghi   Zöldár (Anni verdi) (Ungheria, 1965, 35mm, 98’) v.o. ungherese SOTT. IT./ENG. SUBT. ore 22:30 Storie Arbëreshe di Mario Balsamo (Italia, 2007, Beta SP, 53’) v.o. ita-arbëresh SOTT. IT./ENG. SUBT. anteprima italiana   concorso doc Naplófilm, 12 Voltam 56-Ban (Diario filmato, avevo dodici anni nel ‘56) di Boglárka Edvy, Sándor Silló (Ungheria, 2006, Beta SP, 53’) v.o. ungherese SOTT. IT./ENG. SUBT. anteprima italiana   Cinema Ariston ore 16:00 girotondo. schnitzler e il cinema Das Weite Land (L’ampio paese) di Luc Bondy (Austria/Ger/Fra/It, 1987, Beta SP, 103’) v.o. tedesca SOTT. IT./ENG. SUBT. ore 18:00 girotondo. schnitzler e il cinema Berliner Reigen (Girotondo berlinese) di Dieter Berner (Germania, 2006, Beta SP, 85’) v.o. tedesca SOTT. IT./ENG. SUBT.   anteprima italiana ore 20:00 zone di cinema Bottecchia, L’ultima Pedalata di Gloria De Antoni (Italia, 2008, DigiBeta, 53’) v.o. italiana   anteprima assoluta ore 22:00 Italo Svevo: “tutte le films” Le Parole Di Mio Padre di Francesca Comencini (Italia, 2001, 35mm, 85’) v.o. italiana     Info: www.triestefilmfestival.it