I monumenti piu' vicini ai giovani con il progetto ELAICH a Ca' Foscari

Uni VE
Insegnamento e-learning agli studenti delle superiori per creare una coscienza del patrimonio culturale

 VENEZIA - Toccare con mano le pietre dell'Acropoli di Atene, scoprire l'Erodion vicino a Gerusalemme, addentrarsi nei tempi nabatei di Petra, provare l'ebbrezza di essere restauratori per un giorno a Malta, vedere al microscopio un mondo diverso, queste alcune delle attività degli studenti partecipanti al progetto ELAICH.

Ripristinare il rapporto della società in generale, e dei giovani in particolare, con i luoghi e i monumenti del proprio patrimonio culturale e contribuire alla consapevolezza dell'importanza di tali tesori è lo scopo principale del progetto ELAICH (Educational Linkage Approach In Cultural Heritage) che fa parte del Programma Euromed Cultural Heritage IV ed è co-finanziato dall'Unione Europea.

Il 7, 8, 9 novembre prossimo si terrà a Ca' Foscari l'incontro tra i rappresentanti delle università Partner del progetto ELAICH e i funzionari di istituzioni ed organizzazioni nazionali ed internazionali che si occupano di educazione e conservazione del patrimonio culturale. Il tema del workshop è: "Patrimonio Culturale e società civile. Dal Progetto Europeo alla realtà educativa: applicazioni della metodologia e del toolkit ELAICH" (Cultural Heritage and Civil Society. From EU project to educational reality: applying ELAICH methodology and Toolkit).

All'incontro, che sarà aperto dal Rettore Carlo Carraro, parteciperanno numerose autorità tra cui: il Consigliere del Ministro per i Beni e le Attività Culturali Franco Miracco, L'Assessore alle Politiche educative del comune di Venezia, Andrea Ferrazzi, il Segretario Regionale per la Cultura, Angelo Tabaro, la Sovrintendente ai Beni Architettonici di Venezia, Renata Codello, la Soprintendente al Polo Museale di Venezia, Giovanna Damiani, il direttore dell'ufficio regionale del Ministero della Pubblica Istruzione, Stefano Quaglia  oltre ai rappresentanti dei Ministri per la Cultura e l'Educazione di Israele, Malta e Grecia. Saranno presenti anche organizzazioni quali UNESCO, ICOM, ICCROM e ICOMOS che si occupano da decenni di salvaguardia di beni culturali e rappresentanti del settore educativo nazionale e d internazionale.

Il progetto ELAICH, coordinato dal Technion di Haifa-Israele e sviluppato da Ca'Foscari con le Università di Anversa, Atene e Malta, è rivolto agli studenti delle scuole superiori e ha l'obbiettivo di ricreare un rapporto di conoscenza, coscienza e rispetto del patrimonio culturale, per la sua effettiva tutela e conservazione.

Un team multi-disciplinare, costituito dai Partner del progetto specialisti nei vari settori della conservazione, del patrimonio culturale e dell'educazione, ha sviluppato un innovativo approccio attraverso le moderne tecniche di e-learning e ha prodotto un pacchetto educativo per  far conoscere ai ragazzi i valori del patrimonio culturale e i principi e le sfide della sua conservazione. Il Consorzio ELAICH ha già organizzato dei corsi pilota sulla tutela del patrimonio culturale rivolti studenti delle scuole superiori, ad Atene, Istanbul, Haifa  Malta e Amman, dove si sono  svolte le attività formative anche con visite e laboratori nei siti archeologici. Si è cercato di instillare negli studenti l'amore per il patrimonio culturale, avvicinandoli concretamente ai siti storici da salvare e facendo loro toccare con mano i materiali storici e le tecniche di conservazione modernamente applicate.  

Dal Partenone di Atene, ad Aghia Sofia di Istanbul, dalla splendida città nabatea di Petra in Giordania, all'antica chiesa di Si??iewi a Malta, prime mete di visita dei teenagers, l'approccio ELAICH ha avuto lo scopo di risvegliare interesse nei giovani studenti per tutti gli aspetti che un monumento presenta. Tutti i  monumenti hanno infatti una storia interessante da raccontare e la loro testimonianza storica e sociale è ancora tutta da scoprire. 

Attraverso questo metodo innovativo (denominato "intellectual in-situ work"), i giovani si mettono letteralmente  in contatto con il loro patrimonio culturale, e questo contribuirà a formare in loro una coscienza del "bene culturale" e un maggiore rispetto per i monumenti del loro paese. 

L'esperienza maturata con le varie attività formative ha dato gli elementi per poter sviluppare strumenti educativi innovativi per gli specifici obbiettivi del progetto. Proprio durante il workshop del 7, 8, 9 novembre verranno presentati i risultati del Progetto ad insegnanti e presidi di scuole superiori, focalizzandosi sull'efficacia, sulla valorizzazione e sull'utilizzo dell'educational toolkit prodotto .

Informazioni sul progetto si trovano sul sito Internet di  ELAICH www.elaich.technion.ac.il