Error message

Il file non può essere creato.

A Cormòns la X edizione di Jazz & Wine of Peace

Jazz Vibes
[img_assist|nid=9259|title=|desc=|link=none|align=left|width=130|height=130]Cormòns (GO) - Dal 25 al 28 ottobre 2007 il jazz torna protagonista ancora una volta a Cormòns con la decima edizione di Jazz & Wine of Peace, festival internazionale organizzato da Controtempo.   Una manifestazione molto attesa che coniuga il jazz di tutto il mondo con i celebri vini del Collio. Un festival che annoda le fila sparse di tutto quello che è chiamato jazz. Una grande kermesse, quattro giorni di puro divertimento (per celebrare il decimo anniversario il festival si è regalato una giornata in più), con concerti eterogenei molti dei quali in esclusiva per l’Italia. Nel corso della manifestazione ogni artista riceverà il Vino della[img_assist|nid=9260|title=|desc=|link=none|align=right|width=640|height=498] pace proveniente dalla “Vigna del mondo”, un luogo dove sono impiantati più di 450 vitigni provenienti da cinque continenti. Le bottiglie di questo vino, altamente simbolico, sono impreziosite da etichette dipinte dai più grandi artisti contemporanei ed arricchite dagli scritti di illustri poeti e scrittori. Torna, anche per questa decima edizione, Night&Day, il ricco programma di eventi (Round Midnight, Body and Soul…) che precedono e accompagnano il festival dedicato alla musica jazz. Grazie alla collaborazione degli operatori pubblici e privati del territorio e lo sponsor ufficiale Cantina Produttori Cormòns, saranno proposte degustazioni di vini del Collio, assaggi di prodotti locali, workshop di fotografia, shopping ai mercatini del collezionismo musicale e molto altro. Un festival nel festival che, come ha sottolineato il presidente di Controtempo Remigio Gabellini ne decreta la diversità che nasce dalla qualità estrema delle proposte d'ascolto e dall'originalità del progetto calato nell’ospitale Cormòns. Tra le novità di quest’anno, quella capace di rendere assolutamente unica l’edizione del decennale e sottolinearne l'attenzione con cui si guarda a questo evento anche da "lontano", la programmazione di due dirette Rai della trasmissione "Radio 3 Suite" con Pino Saulo. Saranno trasmessi rigorosamente live i concerti del 25 ottobre di Trio 3 e del 26 di Don Byron Ivery Divery Trio.   [img_assist|nid=9261|title=|desc=|link=none|align=left|width=640|height=533] Dal 25 al 28 ottobre 2007 Jazz&Wine 2007 - X edizione Cormòns (GO) - location varie Il programma Giovedì 25 ottobre Teatro Comunale - Cormòns (GO) Ore 20.30 Renaud Garcia-Fons “Arcoluz“ (France – Spain) (Renaud Garcia-Fons: five string double bass - Antonio “Kiko” Ruiz: flamenco guitar – Pascal Rollando: percussion) Il virtuoso contrabbassista dalle mille nazionalità sonore, Renaud Garcia-Fons, è un musicista totale. La sua tecnica unica, combinata ad una grande libertà di scrittura, gli permette di esplorare i suoni del mondo, dall’Andalusia alla Francia, dall’India al mondo arabo, ma sempre con una matrice mediterranea che a volte sfocia nella musica classica, in un perfetto equilibrio tra world music e jazz dove l’improvvisazione raggiunge un notevolissimo climax virtuosistico. Nel suo ultimo progetto “Arcoluz” aggiunge nel suo percorso due forti elementi: il flamenco e la cultura gipsy. Le cinque corde dell’originale strumento che Garcia-Fons utilizza soprattutto con l’archetto suonano non solo come un contrabbasso, ma anche come un violino persiano od una viola. Una irraggiungibile tecnica che è sempre e solo al servizio della musica. E la musica di Renaud Garcia-Fons è di rara bellezza, intensa e vitale. Unica data italiana. ore 22.30: Trio 3 (USA) (Oliver Lake: alto & sopranino saxes, flute - Reggie Workman: double bass – Andrew Cyrille: drums) Una terna di all stars che ama dire che “nel Trio 3 il leader è la musica”. Questi tre musicisti fanno parte della storia del jazz. Il batterista numero uno del free jazz (Cecil Taylor, Milford Graves, Muhal Richard Abrams,…), il sassofonista erede di Eric Dolphy (compositore e poeta co-fondatore del World Saxophone Quartet e collaboratore di grandi artisti di ogni estrazione musicali, dal pop di Björk al rock di Lou Reed all'hiphop di A Tribe Called Quest) e il contrabbassista di John Coltrane e Thelonious Monk si trovano insieme in un progetto che è il risultato di una sintonia musicale che i tre coltivano da molti anni oscillando tra scrittura e improvvisazione in una costante tensione creativa. Tre maestri, quindi, musica profonda, un fluire abbagliante di idee melodiche e ritmiche, sensazioni notevoli. In esclusiva italiana. Biglietti: Interi Euro 30 / ridotti* Euro 28 Venerdì 26 ottobre Teatro Comunale - Cormòns (GO) ore 18.30 Marc Copland – Gary Peacock – Bill Stewart Trio (USA) (Marc Copland: piano - Gary Peacock: double bass - Bill Stewart: drums) Nasce come sassofonista, poi molla tutto per dieci anni e poi, a trentacinque anni, decide di dedicarsi al pianoforte. Oggi, a quasi sessant’anni, Marc Copland è uno dei pianisti più originali, raffinati e prolifici della scena internazionale e il suo ultimo progetto lo vede al fianco di due vecchi amici di un tempo. Da Gary Peacock, contrabbassista e sideman ideale per molti pianisti (tuttora con Keith Jarrett nel celeberrimo trio) e dall'eccezionale batterista Bill Stewart (attualmente nel trio acustico di Pat Metheny e prima con John Scofield e Joe Lovano) ottiene una spinta ulteriore in un crescendo di stimoli continui che ha pochi raffronti nel panorama odierno dei trio. Quello dei tre è uno dei migliori esempi di jazz lirico ed espressivo di stampo cameristico. “Fermatevi e non cercate altro, l’arte del trio è qui” (Jazz Magazine). Unica data italiana. Ore 21.30 Don Byron Ivey Divey Trio (USA) (Don Byron: clarinet, tenor sax – Ed Simon: piano - Billy Hart: drums) E’ nota la poliedricità del geniale clarinettista e compositore Don Byron. In possesso di un vasto background culturale e di una preparazione pressoché enciclopedica, è in grado di spaziare con profonda competenza, inserendole in un unico discorso, dalla musica free al klezmer, dallo swing al rap, dal rock al blues, creando sempre attorno a sé delle combinazioni di musicisti invidiabili e molto differenti. Dal repertorio di Lester Young (“Ivey Divey” riprende una celebre espressione che il sassofonista usava per dimostrare approvazione) il nuovo percorso di Byron si estende a nuove composizioni e a personali omaggi alla musica di Miles Davis e John Coltrane. Byron trova dei collaboratori incomparabili nel giovane pianista Ed Simon e nel batterista Billy Hart, la cui precisione implacabile è al costante servizio della musicalità. Unica data italiana. 26 ottobre (MARC COPLAND – GARY PEACOCK – BILL STEWART Trio + DON BYRON Ivey Divey Trio ): Interi Euro 30 / Ridotti* Euro 28 Sabato 27 ottobre Medana 20, Dobrovo (SLO) Ore 11.00: Vasko Atanasovski Adrabesa Quartet (Slovenia, Croatia, Italy) (Vasko Atanasovski: soprano & alto saxes, flute - Simone Zanchini: accordion - Roberto Bartoli: double bass - Krunoslav Leva?i?: drums, percussion) Vasko Atanasovski non è solo uno dei musicisti e