Error message

Il file non può essere creato.

Teatri a Teatro a Trieste, classicità greco-romana fra modernità e tradizione

Estate 2007
[img_assist|nid=6554|title=|desc=|link=none|align=left|width=130|height=130]TRIESTE - È stata presentata venerdì 25 maggio nella Sala Giunta della Provincia di Trieste la manifestazione Teatri a Teatro a Trieste e provincia che si svolgerà dal 12 giugno al 21 settembre in alcuni dei più suggestivi luoghi della provincia del capoluogo giuliano. La rassegna, promossa e sostenuta dall’Amministrazione provinciale, con la direzione artistica di Giorgio Pressburger e l’organizzazione della Contrada-Teatro Stabile di Trieste, nasce dalla collaborazione di tutti i teatri, pubblici e privati, della città di Trieste e gode del supporto dei Comuni del territorio. Gli spettacoli si muoveranno nella cornice dell’antico Teatro Romano di Trieste, del Castel-lo e del Parco di Miramare, della rocca di Monrupino e dei Castelli di Muggia e di Duino, toccando gli angoli più suggestivi di San Dorligo e di Sgonico e le principali piazze di Trieste. Sarà qui che rivivranno i grandi classici del teatro greco e romano, le pagine di noti scrittori del passato e del presente che traggono ispirazione dal mondo antico, la musica, la poesia dei lirici greci e dei poeti latini e le scene dei film sull’antica Roma. Sarà un ponte tra l’antichità e la modernità, la filosofia classica e la vita quotidiana. Senza questo legame il puro presente sarebbe un terrificante deserto (Giorgio Pressburger). Nello snodarsi del tema della classicità e della sua perpetua rinascita, emergono, nell’ambito del festival, alcuni filoni: quello degli insensati conflitti (come nella Elena di Euripide), delle violenze private e pubbliche (Baccanti di Euripide, Elena di Ghiannis Ritsos, Antigone di Jean Anouilh, Didone e Enea di Henry Purcell, Clitemnestra da Marguerite Yourcenar), dell’opulenza tracotante (Satyricon di Bruno Maderna), delle religioni e delle fedi (Elena di Euripide), del rapporto[img_assist|nid=6555|title=|desc=|link=none|align=right|width=640|height=483] inesauribile con il passato (Interviste impossibili). In parallelo diversi luoghi della città e delle provincia saranno palcoscenico all’aperto di letture di poesie e sedi di concerti: una sorta di “Happy Hour” culturali. Come accade per i più importanti Festival, anche Teatri a Teatro – e il nome non è scelto a caso – comprende proprie produzioni cui si accompagnano ospitalità di prestigio. Il cartellone, grazie al supporto e alla disponibilità dei teatri del territorio, elenca titoli di rilievo: Interviste Impossibili (prod. Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia), Elena di Euripide (prod. PAV) e Elena di Ritsos (La Contrada-Teatro Stabile di Trieste), De Rerum Natura di Lucrezio, Satyricon di Bruno Maderna (prod. Fondazione Arena di Verona in collaborazione con Fondazione Teatro Verdi di Trieste), Felix Hora (prod. Bonawentura, Conservatorio “Tartini”, A.Artisti Associati). Teatri a Teatro a Trieste e provincia avrà inizio in grande stile martedì 12 giugno con Felix Hora, happy hour della poesia e della musica. Curato da Bonawentura-Teatro Miela, A.Artisti Associati di Gorizia e Conservatorio di Musica “G.Tartini”, Felix Hora si compone di una serie di letture e concerti tenuti da giovani attori e musicisti, che proporranno al pubblico il tesoro della cultura occidentale: la poesia di Omero, Catullo, Saffo, Marziale, Ovidio, Orazio, con gli scritti di Apuleio, Marco Aurelio, Seneca, Petronio, Giuseppe Flavio. La giornata inaugurale della rassegna inizierà alle 11.00 del mattino e si svolgerà contemporaneamente in diverse piazze di Trieste, a Malchina, Muggia, San Dorligo, Sgonico e alla Rocca di Monrupino fino a tarda sera. In ogni ora della giornata gli spettatori potranno assaporare le pagine dei classici accompagnate da interventi musicali sempre diversi, se-guendo un ideale itinerario che li porterà a riscoprire tutti gli spazi più suggestivi del territo-rio. Felix Hora, appuntamento che poi sarà riproposto più volte nella cornice della manifestazione, sarà un prologo alla vera e propria serata d’inaugurazione, mercoledì 13 giugno, che si svolgerà invece al Teatro Romano di Trieste: andranno in scena Le interviste impossibi-li prodotte dal Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia. Riprendendo l’idea dei dialoghi im-possibili andati in onda negli anni ’70 sul primo e secondo canale radiofonico della Rai, sei autori contemporanei - Paola Capriolo, Claudio Magris, Dacia Maraini, Cesare Segre, Ema-nuele Severino, Patrizia Valduga – hanno scritto delle interviste ad alcuni grandi personaggi della storia e della cultura classica: Eschilo, Giulio Cesare, Omero, Erostrato, Marziale, Lu-ciano, Socrate e Diotima. Le voci di Omero Antonutti, Paolo Bonacelli, Giorgio Lanza, Virginio Gazzolo e Maurizio Micheli evocheranno queste importanti figure. Venerdì 15 giugno al Teatro Romano sarà rappresentato Processo a Caio Giulio Cesare di Corrado Augias e Vladimiro Polchi, con Paolo Bonacelli, Urbano Barberini, Marco Spiga, Valentina Bardi e la partecipazione speciale dello stesso Polchi. Prodotto dal Teatro Stabile della Sardegna, lo spettacolo è diretto da Giorgio Ferrara. La Contrada invece porta in scena Ariella Reggio e gli allievi dell’Accademia Teatrale “Città di Trieste” con Elena, rivisitazione dell’omonima opera di Euripide ad opera del poeta greco Ghiannis Ritsos. Lo spettacolo, realizzato espressamente per Teatri a Teatro e diretto da Sabrina Morena, sarà rappresentato al Teatro Romano domenica 17 giugno e sarà repli-cato in luglio al Castello di Duino e al Castello di Muggia. Mercoledì 20 giugno un’altra produzione dello Stabile del Friuli Venezia Giulia realizzata appositamente per questa rassegna sarà rappresentata al Teatro Romano: si tratta del De rerum natura di Lucrezio proposto sotto forma di recital nell’eccezionale interpretazione di Roberto Herlitzka. Giovedì 21 giugno Teatri a Teatro a Trieste e provincia si trasferisce nello splendido scenario del Parco di Miramare dove si terrà il doppio appuntamento con Festa della musica: alle 19.00 saranno di scena il Complesso bandistico Viktor Parma, mentre alle 21.00 si terrà il concerto Sulle ali del canto, viaggio vocale e strumentale in Europa curato dal Conser-vatorio Tartini di Trieste. [img_assist|nid=6556|title=|desc=|link=none|align=left|width=479|height=640] Venerdì 22 giugno al Teatro Romano il Teatro Stabile Sloveno di Trieste metterà in scena (in lingua slovena e con didascalie in italiano) uno dei più grandi successi della stagione ap-pena conclusa, Baccanti di Euripide. Spettacolo musicale dal forte impatto visivo e con un cast di tutto rispetto, Baccanti è diretto da Vito Taufer con musiche di Saša Loši?. Dopo la rivisitazione di Ritsos, Teatri a Teatro a Trieste e provincia porta domenica 24 giugno al Teatro Romano anche l’originale Elena di Euripide con un’interprete d’eccezione, Vladimir Luxuria, che assieme a Lorenzo Moncelsi, Giandomenico Cupaiuolo, Roberto Manzi e gli allievi dell’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio D’Amico”, interpreterà la protagonista di quest’opera classica. Con interventi d’autore di Giorgio Pressburger, Elena di Euripide è prodotto da PAV e si avvale della regia di Giuseppe Rocca. La sera di martedì 26 giugno (in replica mercoledì 27), Teatri a Teatro a Trieste e provincia trasporterà il suo pubblico nello splendido Castello di Duino, dove avrà luogo un i-nedito spettacolo teatrale scritto e interpretato da Massimiliano Finazzer Flory: L’altro viaggio di Rainer Maria Rilke (fatto possibilmente di noccioli di parole…). Prodotto dallo Studio MO.MA., lo spettacolo si avvale della partecipazione di Laura Marinoni e di due musicisti che accompagneranno le letture. Giovedì 28 giugno si ritorna al Teatro Romano dove il Teatro Litta presenta Antigone di Jean Anouilh, per la regia di Claudio Autelli. La rassegna dedica così uno spazio ai giovani artisti che stanno frequentando il master per la regia teatrale ideato dal Teatro Litta. Fra gli ultimi spettacoli del festival a trovare spazio al Teatro Romano ci sarà un’opera contemporanea di Bruno Maderna, Satyricon, prodotto dalla Fondazione Arena di Verona in collaborazione con la Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste. Diretto da Pressburger lo spettacolo, realizzato appositamente per Teatri a Teatro, sarà in scena martedì 3 luglio. La sera di mercoledì 4 luglio si terrà una replica di Felix Hora alla Rocca di Monrupino (ore 21.00), mentre giovedì 5 e venerdì 6 luglio avrà luogo l’ultimo appuntamento della rassegna presso il Teatro Romano. Vittorio Sermonti leggerà e commenterà brani dalla sua traduzione dell’Eneide di Virgilio nel corso di due serate consecutive. Tutte le serate al Teatro Romano di Trieste avranno inizio alle ore 21.30. Dopo una nuova replica di Felix Hora a San Dorligo della Valle (sabato 7 luglio, ore 21.00), i riflettori di Teatri a Teatro a Trieste e provincia si accenderanno domenica 8 luglio al Parco del Castello di Miramare con Didone e Enea, opera in tre atti di Henry Purcell (Produzione Teatro dell’Angolo/Controluce), un esperimento di messa in scena di teatro musicale per mezzo della tecnica del teatro delle ombre. Intervallandosi con le due repliche di Elena di Ritsos (al Castello di Duino lunedì 9 e al Castello di Muggia giovedì 12 luglio), un nuovo evento avrà luogo a Miramare la sera di martedì 10 luglio: andrà in scena Clitemnestra di Marguerite Yourcenar, commistione di canto lirico, danza e recitazione drammatica su temi classici. Arricchita dalle musiche di Monteverdi e della tradizione popolare dell’area attica e mediterranea, la serata si avvale dell’appassionata interpretazione di Mariangela D’Abbraccio (presenta MDA Produzioni Danza). Le quattro serate di Miramare, Duino e Muggia avranno inizio alle ore 21.30. Proseguiranno intanto per il mese di luglio le repliche di Felix Hora, che sarà rappresenta-to al Giardino Pubblico di Trieste (venerdì 13, ore 19.00); in Piazza Garibaldi (sabato 14, ore 19.00); in Piazza Cavana (lunedì 16, ore 19.00); a Sgonico (giovedì 19, ore 21.00); in Pas-saggio Viale Romolo Gessi (venerdì 20, ore 19.00); a Cattinara (giovedì 26, ore 19.00); al Castello di Muggia (sabato 28, ore 21.00); in Piazza Sant’Antonio (martedì 31, ore 19.00). Da mercoledì 18 luglio il festival farà un’incursione nel cinema presentando ai Giardini Europa di Muggia alcune pellicole legate alla Roma della classicità (a cura di Bonawentura-Teatro Miela). Con la rassegna Grande Mondo Antico saranno presentati al pubblico capolavori come Satyricon di Fellini, “chicche” introvabili come il Ben Hur di Niblo del 1925 o il film muto di Ridolfi e Camerini Gli ultimi giorni di Pompei, accanto a film più recenti come Il gladiatore di Ridley Scott. Gli appuntamenti con la “sezione cinema” di Teatri a Teatro a-vranno luogo mercoledì 18 e mercoledì 25 luglio (ore 21.30), martedì 31 luglio, mercoledì 1° agosto, martedì 7 e mercoledì 8 agosto (ore 21.15). Infine, a partire da venerdì 13 luglio, tutti i venerdì fino al 21 settembre, al castello di Miramare si terranno i Concerti nel castello, a cura del Conservatorio Statale Tartini di Trieste. Info: tel. 040390613 contrada@contrada.it www.teatriateatrots.it www.contrada.it